martedì 2 novembre 2010

CORONINO DEI MORTI



Anime del Purgatorio
Parrocchia di S. Lucia
Mistretta (ME)





V) Adjutorium nostrum in nomine Domini.
R) Qui fecit cœlum et terram. ~ De profundis.

I. Consideriamo lo stato compassionevole delle povere anime del Purgatorio. Elleno sono giuste, amiche di Dio, e destinate al Cielo: trovansi rinchiuse in orrida prigione, sotto la sferza della divina Giustizia, acerbamente tormentate, senza poter far opera che sia loro di merito, e stanno con somma pietà rivolte a noi, chiedendo l’ajuto delle nostre orazioni
Un’Ave con 10 Pater ed in fine Requiem.

II. Consideriamo quanto facilmente possiamo noi per mezzo delle nostre orazioni, aiutare le anime del Purgatorio, e l’obbligo che per natura abbiamo di suffragarle, perché, se esse sono in stato di non poter più ajutarsi da sè medesime, quanto ragionevole e giusta cosa è il pregare l’Altissimo per quelle anime che tanto sospirano di tosto uscire da quell’incendio di fuoco e di entrare nel Paradiso a godere la bella vista di Dio.
Un’Ave con 10 Pater ed in fine Requiem.

III. Consideriamo che le anime soccorse giunte che saranno in cielo, come spose singolarmente amate da Dio, intercederanno col massimo impegno presso sua divina Maestà per chi con tanta pietà liberolle dalle pene atroci del Purgatorio. In verità, questo dovrebbe essere a noi motivo bastante per suffragar abbondantemente quelle anime, onde mandarle ben presto al cielo, dove non cesseran mai di esserci particolari avvocate fervidentissime interceditrici presso il Signore.
Un’Ave con 10 Pater ed in fine Requiem.

Termineremo la Corona di nostro Signore Gesù Cristo con offerirla alle sue santissime piaghe, perché risulti in refrigerio delle anime purganti, e in particolare di quelle che sono state devote di questo santo esercizio.

Un’Ave, con 3 Pater, e in fine Req. ecc.
Di più il Salmo Miserere conchiudendolo col Req.
Dopo aver recitato la seguente


Orazione per tutti i Defunti

Fidelium Deus omnium Conditor et Redemptor, animabus famulorum, famularumque tuarum, remissionem cunctorum tribue peccatorum, ut indulgentiam quam semper optaverunt piis supplicationibus consequantur. Qui vivis et regnas etc.

'A livella (Totò)








O gn'anno, il due novembre, c'e' l'usanza
per i defunti andare al Cimitero.
Ognuno Il'adda fa' chesta crianza;
ognuno adda tene' chistu penziero.

Ogn'anno, puntualmente, in questo giorno,
di questa triste e mesta ncorrenza,
anch'io ci vado, e con dei fiori adorno
il loculo marmoreo 'e zi' Vicenza.

St'anno m'e' capitata 'n'avventura...
dopo di aver compiuto il triste omaggio
(Madonna!), si ce penzo, che paura!
ma po' facette un'anema e curaggio.

'O fatto e' chisto, statemi a sentire:
s'avvicenava ll'ora d' 'a chiusura:
io, tomo tomo, stavo per uscire
buttando un occhio a qualche sepoltura.

QUI DORME IN PACE IL NOBILE MARCHESE
SIGNORE DI ROVIGO E DI BELLUNO
ARDIMENTOSO EROE DI MILLE IMPRESE
MORTO L'11 MAGGIO DEL '31.

'O stemma cu a curona 'ncoppa a tutto...
sotto 'na croce fatta 'e lampadine;
tre mazze 'e rose cu 'na lista 'e lutto:
cannele, cannelotte e sei lumine.

Proprio azzeccata 'a tomba 'e stu signore
nce steva 'n'ata tomba piccerella,
abbandunata, senza manco un fiore',
pe segno, sulamente 'na crucella.

E ncoppa 'a croce appena se liggeva:
~ESPOSTTO GENNARO NETTURBTNO~
Guardannola, che ppena me faceva
stu muorto senza manco nu lumino!

questa e' la vita! 'Ncapo a me penzavo
chi ha avuto tanto e chi nun ave niente!
Stu povero maronna s'aspettava
ca pure all'atu munno era pezzente?

Mentre fantasticavo stu petiziero,
s'era ggja' fatta quase mezanotte,
e i' rummanette 'nchiuso priggiuniero
muorto 'e paura... nnanze 'e cannelotte.

Tutto a 'nu tratto, che veco 'a luntano?
Ddoie ombre avvicenarse 'a parte mia...
Penzaje: stu fatto a me mme pare strano...
Stongo scetato... dormo, o è fantasia?

Ate che fantasia; era 'o Marchese:
c''o tubbo, 'a caramella e c''o pastrano;
chill'ato appriesso a isso un brutto arnese:
tutto fetente e cu 'na scopa mmano.

E chillo certamente e' don Gennaro...
'o muorto puveriello... 'o scupatore.
'Int' a stu fatto i' nun ce veco chiaro:
so' muorte e se retireno a chest'ora?

Putevano sta' 'a me quase 'nu palmo,
quando 'o Marchese se fermaje 'e botto,
s'avota e, tomo tomo... calmo calmo,
dicette a don Gennaro: «Giovanotto!

Da Voi vorrei saper, vile carogna,
con quale ardire e come avete osato
di farvi seppellir, per mia vergogna,
accanto a me che sono un blasonato?!

La casta e' casta e va, si, rispettata,
ma voi perdeste il senso e la misura;
la vostra salma andava, sì, inumata;
ma seppellita nella spazzatura!

Ancora oltre sopportar non posso
la vostra vicinanza puzzolente.
Fa d'uopo, quindi, che cerchiate un fosso
tra i vostri pari, tra la vostra gente».

«Signor Marchese, nun e' colpa mia,
i' nun v'avesse fatto chistu tuorto;
mia moglie e' stata a ffa' sta fessaria,
i' che putevo fa' si ero muorto?

Si fosse vivo ve farrie cuntento,
pigliasse a casciulella cu 'e qquart osse,
e propno mo, obbj'... 'nd'a stu mumento
mme ne trasesse dinto a n'ata fossa».

E cosa aspetti, oh turpe malcreato,
che l'ira mia raggiunga l'eccedenza?
Se io non fossi stato un titolato
avrei gia dato piglio alla violenza!»

«Famme vede'... piglia sta violenza...
'A verita', Marche', mn'e so' scucciato
'e te senti; e si perdo 'a pacienza,
mme scordo ca so' muorto e so' mazzate!...

Ma chi te cride d'essere... nu ddio?
Cca''dinto, 'o vvuò capì, ca simmo eguale?...
...Muorto si' tu e muorto so' pur'io;
ognuno comme a 'n'ato e' tale e qquale».

«Lurido porco!... Come ti permetti
paragonarti a me che ebbi natali
illustri, nobilissimi e perfetti,
da fare invidia a Principi Reali?»

«Tu qua' Natale... Pasca e Ppifania!!!
T'o vvuo' mettere 'ncapo... 'int' 'a cervella
che staje malato ancora 'e fantasia?...
'A morte 'o ssaje ched'e'?... e' una livella.

'Nu rre, 'nu maggistrato, 'nu grandommo,
trasenno stu canciello ha fatt''o punto
c'ha perzo tutto, 'a vita e pure 'o nomme:
tu nun t'he' fatto ancora chistu cunto?

Percio', stamme a ssenti'... nun fa' 'o restivo,
suppuorteme vicino che te 'rnporta?
Sti ppagliacciate 'e ffanno sulo 'e vive:
nuje simmo serie... appartenimmo a morte!».